top of page
Search

Recensione/Review A7RV - Fotografia di paesaggio/Landscape photography




ENG | ITA




And after a long absence, here I am again. I would have liked to have more time to blog as I did in the midst of the pandemic, but unfortunately in the last two years commitments have stolen all my time.


I swear I will try, if only by writing a few brief thoughts, I will try to be more present.

Today's is my review of the Sony A7RV purchased a few months ago as a replacement for my main body (Sony A7RIII); I will tell you about my photographic experience, in nature and landscape optics, its pros and cons. Make yourself comfortable if you like, over a cup of coffee or hot herbal tea given the cold weather and the Christmas climate.


In 2018, after almost 10 years of using Canon "Eos" bodies, lenses and products, I decided to sell everything and switch to Sony "Alpha." I was looking for something new, and something that would serve my photographic approach, so my choice fell on the Sony A7RIII (released in 2017), where "R" stands for "Resolution."

To summarize the historical context of that period, Canon and Nikon had unveiled their first fullframe mirrorless cameras, bodies that were certainly intriguing (Canon was the first to introduce a curtain that protected the sensor during lens changes, a boon for landscape photographers), with good ergonomics (especially Nikon), excellent viewfinders and rear monitors; despite that they still represented a starter, they were in my opinion not comparable to their Sony counterparts (A7RIII, A7III, A9), but they were on the right track that led them to produce absolutely competitive and mature products (all the new R series, and the latest Zs).

What led me to the Sony world is the compactness of the camera bodies and their total customizability and functionality, its extraordinary sensors and autofocus, and the endless lens park open to third-party manufacturers as well.

The Sony A7R III, a camera I am still in love with today, has a 42 MP BSI sensor without a low-pass filter (today those megapixels are the norm), whose peculiarities lie in its fairly wide dynamic range, low noise at high iso, and an overall image quality that to this day has few rivals. The 7R III featured autofocus comparable to professional SLR bodies, with eye recognition (thanks to FW 2.0) that seemed almost magical. The RIII was and still is the ideal mirrorless camera for landscape and portrait photographers, but it also proves to be an excellent all-rounder.


After 5 years of honored service, driven by various motivations and work requirements, I decided to give my main camera body a change, replacing the 7RIII with the 7RV.

My A7RIII has been a fantastic camera, even today it remains one of my favorite bodies.



The Sony A7RV is a mature camera, complete at every juncture and meets every demand expressed by Sony users. It combines, with an "R" heart, many features of the flagship A1.

The body has increased considerably in size and weight compared to the Series III, while remaining very compact and smaller than its competitors (assuming it has any, the "7R" series travels in a world of its own); this certainly results in better ergonomics and grip, but at the expense of the compactness of the old 7RIII, which can be good or bad, depending on the situation. In a landscape context, a more compact body is probably preferable, but for everything else the 7RV, with its more comfortable grip, is the better choice in any setting.


A7III at left; A7RV at right

But without dwelling on the specifications, which can be found online and in detailed technical reviews, I want to share the impressions I had during my landscape/naturalistic use.

The first difference I noticed immediately while shooting, and among the reasons I bought the 7RV, is the smoothness of the mechanical shutter. I know that talking about mechanical shutters may sound almost nostalgic in the era of the global shutter and stacked sensors, but for studio photography, I still prefer this solution. The 7RV, used mainly with the "II" active electronic curtain or with the fully mechanical shutter, performs amazingly well. The feel is velvety, highlighting the sublime work done by Sony engineers in limiting vibration. This feeling is confirmed when reviewing the raw; despite the increase in resolution, images affected by micromotion (taken both handheld and on a tripod), especially at medium/long focal lengths, are significantly diminished compared to the 42mpx sensor. Contrary to the myth that dense sensors are more prone to micromotion, the 7RV shows a significant improvement over the 7RIII, indicating effective engineering work in mitigating vibration. In addition, it should be noted that the 7RV is equipped with an 8-stop stabilizer, allowing me to shoot handheld images unthinkable until a few years ago without the aid of a tripod. Since using this new body, I often leave the tripod in the car.

Sony A7RV + 24-105G Iso 100 1/5 82mm Free hand

Two of the main improvements observable in action that, as a photographer specializing in landscapes and nature, were of particular interest to me, concern the quality of the EVF viewfinder and the rear monitor. It must be said that, for my approach to photography, I already considered the Sony A7RIII's viewfinder quite satisfactory; the 3.6M dot resolution and overall quality were quite good, far surpassing the EVF of the various A7IIIs and other camera bodies that, somewhat surprisingly, Sony continues to introduce while maintaining the same outdated 2.36M dot viewfinder technology (A7CII, A7CR, A6700...).


The viewfinder of the "V," which is the same as the A1/A7SIII/A9III, is simply stunning. In addition to offering the highest resolution among mirrorles (9.44M dot), the feel given by the 0.9x magnification (versus 0.78 of 7RIII and 7RIV) is remarkable, with an extremely pleasing final effect. The EVF's color quality, sharpness and dynamic range make composition more engaging, something I personally have always preferred to achieve through the use of the viewfinder as it insulates me from everything outside the frame.


The only flaw with the EVF? Sony insists on placing the eye sensor directly on the eyepiece, which can cause discomfort in rain, snow and humidity.


But probably the greatest novelty, for a landscaper, turns out to be the screen that combines the peculiarities of the tilting with the freedom of the articulating monitor. This

means that in whatever position we put the camera, even the most uncomfortable ones, we will have no problem pre-viewing the image.

The problem with the "tilt" monitors on the old Sony cameras is especially pronounced when we position the camera vertically; if in an awkward position, we will find it impossible to direct the screen up or down, a problem totally solved with this new solution from RV.




Sony A7RV - Sony 100-400GM

To photograph the following image, I positioned the camera vertically while the tripod was held between two rocks in a low and extremely uncomfortable position. The 7RV's monitor was critical to the success of the shot.

I always thought the monitors on Sony bodies were the least successful, especially compared to the competition, due to lower resolution and haptic feedback that to say bad is a compliment. Even my iPod Touch of 16 years ago possessed a better touchscreen.

With the advent of the Sony A7RV things have changed and greatly improved, in fact the resolution of the monitor now allows for extremely natural and detailed reproduction of the image on the monitor, and the touch screen turns out to be capacitive recognizing the touch of several fingers and allowing better navigability, also thanks to the new menu, among the settings.

Sony has also included the ability, when shooting, to select the preferred touch/autofocus mode; thus, one has, through touching the LCD, the ability to lock focus in an area of the screen or to activate real-tracking.

The main defect of this monitor remains the glossy screen that reflects everything under certain conditions.


Choose the L-plate well, because the articulation of the RV screen can be limited by inadequate plates.

I opted for the Smallrig 3660, thus improving ergonomics, but one drawback arises: to use the monitor articulately, you must tilt it forward; otherwise, the plate blocks full extension.





There is a version of Smallrig that allows the side section of the plate to be tilted back, but I find this to be a somewhat awkward and uncomfortable solution, especially when using the machine freehand. If you have knowledge of better solutions, please share them in the comments. The strong point of the Sony A7RV is, without a doubt, its outstanding autofocus, thanks to its "Deep learning" technology, for its ability to recognize subjects, fast lock-in, and tracking. It should be emphasized that I am not a photographer specializing in wildlife and birds, but I love to contextualize animals I encounter on trails or while walking through forests and landscapes; the A7RV is ideal for this purpose, as it can recognize people, animals, birds and insects with great accuracy by analyzing the subject through AI. In this way, it can follow it even if there are more obstacles between us and the animal being filmed. Of course, to get the best results, you need to explore the menus and experiment with all the settings. This is tracking that drastically improves on what we saw on A7RIV (and which I had on the A6400).


A7RV - 100-400GM - AFC spot mode real tracking

Typically, the Sony R series is geared toward more thoughtful photography, less focused on speed. However, the responsiveness of this A7RV is surprisingly exceptional and far superior to all previous R-series cameras. I customized each button, assigning to the "AEL" button and on the lens, "Programmed" functions of automatic subject lock (in expanded or real tracking mode), auto ISO and short shutter speeds. This configuration ensures superior readiness in animal docking and tracking, regardless of the variables in the shooting parameters and the focus settings, both auto and manual, that are used. Thus one avoids having to waste time in 'setting shooting parameters in front of a chance encounter with an animal. Unlike previous models, the programmed functions assigned to certain buttons (what is written above), in the 7RV find a remarkably immediate response .


Sony A7RV - 100-400GM AFC wide point

I tried focus bracketing, and while intriguing, I think the fact that you cannot save everything in a single RAW file is a significant limitation. From the settings you can determine all the parameters needed to create a good result: the step width (from wide to 10) allows the camera to optimally determine the focus area, the number of shots to effect (from 1 to 299), etc.

Considering the 61 megapixels, the post production of focus bracketing dozens of shots requires not inconsiderable computing power.

Rather I do not understand why Sony continues to produce camera bodies without raw blending function, I do not understand why it does not accommodate this demand from all its users related to the landscape and nature world.


Sony A7RV - 100-400GM Focus Stacking 20 images

The 61-megapixel sensor, the same as the Sony A7RIV with some modifications for better performance at high iso, expresses its full potential in landscape and studio photography, offering color quality with incredible tonal gradation. The detail is supelative and the dynamic range is at the top of the category, in general there is a visible difference between the 7RIII file and the 7V file, moreover the latter improves so much the automatic white balance, realistically reproducing what we observe in the shot.


Sony A7RV - 24-105

When I first opened the RV's RAW files on Capture One, I felt a greater color emphasis than in the 7RIII and 7III files, absolutely not as "flat" as I had read on the forums. However, I must say that at this new rendering, totally different from the RIII (which has been my reference point), it makes post production easier and it only takes a few touches to have an "explosive" file, with an excellent repoductibility of colors that becomes a real treat for the eyes. The Raw, which I use Lossless with considerable space savings, is rich in detail and one has the perception of handling files of a higher format than full frame.

My main landscape optics (24-105G and 100-400GM) turn out to be quite resolving and for my purpose, which is not the extreme pursuit of 200% detail, I find they are truly excellent.


I did not expect the 24-105 to resolve both corners and edges so well; this zoom has a jaw-dropping performance with the 43mpx that is further confirmed on the 61mpx.

The high iso did not seem to me to be a problem at all, the quality remains very high and the noise quite low when compared to the resolution. In my opinion the difference in noise compared to my old 7RIII is imperceptible and if we combine this with the technology achieved by now by software, bhe we really have nothing to fear.



In conclusion, I consider the Sony A7RV to be the near-perfect body for landscape and nature photography, enhanced by features that facilitate both shooting and composition. Exceptional ruggedness, overall improvement over the A7RIII and RIV, hybrid monitor, superb viewfinder, first-rate autofocus, overall responsiveness, and outstanding image quality position this Sony R-series V as the queen of landscape photography and beyond.


Sony A7RV - 100-400GM

Apart from the listed shortcomings and the lack of an electronic shutter with stacked technology, this camera is confirmed as the perfect embodiment of the project started now 10 years ago, namely to create an alternative to medium format with very close image quality, accompanied by a wide range of lenses at a more affordable cost.


Sony A7RV - 100-400GM

ITA | ENG



E dopo una lunga assenza, eccomi qui nuovamente. Mi sarebbe piaciuto avere più tempo per scrivere sul blog come facevo in piena pandemia, ma purtroppo negli ultimi due anni gli impegni hanno rubato tutto il mio tempo.

Giuro che ci proverò, anche solo scrivendo qualche brevo pensiero, cercherò di essere più presente.


Quella di oggi è la mia recensione della Sony A7RV acquistata qualche mese fa in sostituzione del mio corpo principale (Sony A7RIII); vi parlerò della mia esperienza fotografica, in ottica naturalistica e paesaggistica, dei suoi pro e dei suoi contro. Mettetevi comodi se vi va, davanti ad una tazza di caffè o una tisana calda visto il freddo ed il clima natalizio.


Nel 2018, dopo quasi 10 anni di utilizzo di corpi, lenti e prodotti Canon "Eos", decisi di vendere tutto e passare a Sony "Alpha". Ero alla ricerca di qualcosa di nuovo, e che potesse essere utile al mio approccio fotografico, quindi la mia scelta ricadde sulla Sony A7RIII (uscita nel 2017), dove "R" sta per "Risoluzione".

Per fare un riassunto del contesto storico di quel periodo, Canon e Nikon avevano presentato le loro prime mirrorless fullframe, corpi sicuramente intrigranti (Canon fu la prima ad introdurre una tendina che proteggeva il sensore durante il cambio lenti, una manna per i paesaggisti), con una buona ergonomia (sopratutto Nikon), ottimi mirini e monitor posteriori; nonostante ciò rappresentavano ancora un antipasto, non erano a mio avviso paragonabili alle corrispettive Sony (A7RIII, A7III, A9), ma erano sulla giusta strada che li ha condotti a produrre prodotti assolutamente competitivi e maturi (tutta la nuova serie R, e le ultime Z).

Ciò che mi ha condotto al mondo Sony è la compattezza dei corpi macchina e la loro totale personalizzabilità e funzionalità, i suoi sensori e autofocus straordinari ed il parco ottiche sterminato aperto anche a produttori terzi.

La Sony A7R III, macchina di cui sono tutt'oggi innamorato, ha un sensore da 42 MP BSI senza filtro passa basso (oggi quei megapixel sono la normalità), le cui peculiarità risiedono nella gamma dinamica abbastanza estesa, nel rumore contenuto ad alti iso e una qualità complessiva dell'immagine che tutt'oggi ha pochi rivali. La 7R III presentava un autofocus paragonabile a corpi reflex professionali, con il riconoscimento dell'occhio (grazie al FW 2.0) che sembrava quasi magico. La RIII è stata ed è tutt'oggi la mirrorless ideale per paesaggisti e ritrattisti, ma si dimostra essere anche un'ottima all-rounder.


Dopo 5 anni di onorato servizio, spinto da diverse motivazioni e esigenze lavorative, ho deciso di dare il cambio al mio corpo macchina principale, sostituendo la 7RIII con la 7RV.

La mia A7RIII è stata una macchina fantastica, ancor oggi rimane uno dei miei corpi preferiti.



La Sony A7RV è una macchina matura, completa in ogni frangente e soddisfa ogni richiesta espressa dagli utenti Sony. Unisce, ad un cuore "R", molte caratteristiche dell'ammiraglia A1.

Il corpo è aumentato notevolmente nelle dimensioni e nel peso rispetto alla serie III, pur rimanendo molto compatto e più piccolo delle concorrenti (ammesso che ne abbia, la serie "7R" viaggia in un mondo a parte); questo sicuramente comporta una migliore ergonomia ed impugnatura, a discapito però della compattezza della vecchia 7RIII, il che può essere un bene o un male, dipende dalle situazioni. In un contesto paesaggistico probabilmente è preferibile un corpo più compatto, ma per tutto il resto la 7RV, con la sua impugnatura più comoda, risulta la scelta migliore.


A7III a sinistra; A7RV a destra

Ma senza dilungarmi sulle specifiche, reperibili online e nelle dettagliate recensioni tecniche, voglio condividere le impressioni che ho avuto durante il mio utilizzo paesaggistico/naturalistico.

La prima differenza che ho notato immediatamente durante lo scatto, e tra i motivi che mi hanno spinto all'acquisto della 7RV, è la morbidezza dell'otturatore meccanico. So che parlare di otturatori meccanici può sembrare quasi nostalgico nell'era del global shutter e dei sensori stacked, ma per la fotografia in studio, continuo a preferire questa soluzione. La 7RV, utilizzata principalmente con la "II" tendina elettronica attiva o con l'otturatore completamente meccanico, si comporta in modo strabiliante. La sensazione è vellutata, evidenziando il lavoro eccelso svolto dai tecnici Sony nel limitare le vibrazioni. Questa sensazione è confermata durante la revisione del raw; nonostante l'aumento di risoluzione, le immagini affette da micromosso (realizzate sia a mano libera che su treppiede), specialmente con medie/lunghe focali, sono notevolmente diminuite rispetto al sensore da 42mpx. Contrariamente al mito che i sensori densi siano più soggetti al micromosso, la 7RV mostra un notevole miglioramento rispetto alla 7RIII, indicando un lavoro ingegneristico efficace nel mitigare le vibrazioni. Inoltre, va sottolineato che la 7RV è dotata di uno stabilizzatore da 8 stop, consentendomi di scattare a mano libera immagini impensabili fino a qualche anno fa senza l'ausilio di un treppiede. Da quando uso questo nuovo corpo, spesso lascio il treppiede in auto.


Sony A7RV + 24-105G Iso 100 1/5 82mm Mano libera

Due dei principali miglioramenti osservabili in azione che, da fotografo specializzato in paesaggi e natura, mi suscitavano particolare interesse, riguardano la qualità del mirino EVF e del monitor posteriore. Va detto che, per il mio approccio alla fotografia, ritenevo già abbastanza soddisfacente il mirino della Sony A7RIII; la risoluzione da 3,6M dot e la qualità generale erano piuttosto buone, superando di gran lunga l'EVF delle varie A7III e di altri corpi macchina che, in modo alquanto sorprendente, Sony continua a presentare mantenendo la medesima tecnologia ormai datata del viewfinder da 2,36M dot (A7CII, A7CR, A6700...).


Il mirino della "V", che è lo stesso di A1/A7SIII/A9III, è semplicemente straordinario. Oltre ad offrire la risoluzione più elevata tra le mirrorles (9,44M dot), risulta notevole la sensazione data dall'ingrandimento di 0.9x (contro lo 0.78 di 7RIII e 7RIV), con un effetto finale estremamente piacevole. La qualità dei colori, la nitidezza e la gamma dinamica dell'EVF rendono la composizione più coinvolgente, un aspetto che personalmente ho sempre preferito realizzare attraverso l'utilizzo del mirino in quanto mi isola da tutto ciò che c'è al di fuori dell'inquadratura.

L'unico difetto dell'EVF? Sony insiste nel posizionare il sensore dell'occhio direttamente sull'oculare, il quale può causare fastidi in caso di pioggia, neve e umidità.




Ma probabilmente la più grande novità, per un paesaggista, risulta essere lo schermo che unisce le peculiarità del basculante alla libertà del monitor snodabile. Questo significa che in qualsiasi posizione metteremo la camera, anche quelle più scomode, non avremo problemi di pre-visualizzare l'immagine. Il problema dei monitor "tilt" delle vecchie Sony si accentua in particolar modo quando posizioniamo la fotocamera verticalmente; se in posizione scomoda, ci verrà impossibile dirigere lo schermo verso l'alto o verso il basso, problema totalmente risolto con questa nuova soluzione della RV.




Sony A7RV - Sony 100-400GM

Per fotografare l'immagine seguente, ho posizionato la fotocamera in posizione verticale, mentre il tripod si reggeva tra due rocce in posizione bassa ed estremamente sconfortevole. Il monitor della 7RV è stato fondamentale per la riuscita dello scatto.

Ho sempre pensato che i monitor dei corpi Sony fossero la cosa meno riuscita, sopratutto rispetto alla concorrenza, a causa di una risoluzione inferiore ed un feedback tattile che dire pessimo è un complimento. Addirittura anche il mio iPod Touch di 16 anni fa possedeva un touchscreen migliore.

Con l'avvento di Sony A7RV le cose sono cambiate e notevolmente migliorate, infatti la risoluzione dell' lcd adesso permette una riproduzione dell'immagine su monitor di estrema naturalezza e dettaglio, ed il touch screen risulta essere di tipo capacitivo riconoscendo il tocco di più dita e permettendo una migliore navigabilità, anche grazie al nuovo menù, tra le impostazioni.

Sony ha inserito anche la possibilità, in fase di scatto, di selezionare la modalità tocco/autofocus preferita; si ha così, attraverso il tocco dell' lcd, la possibilità di bloccare il fuoco in un'area dello schermo o di attivare il real-tracking.

Il difetto principale di questo monitor rimane il lucido dello schermo che in determinate condizioni riflette ogni cosa.


Scegliete bene la piastra L, perché la snodabilità dello schermo della RV può essere limitata da piastre non adeguate.

Ho optato per la Smallrig 3660, migliorando così l'ergonomia, ma sorge un inconveniente: per utilizzare il monitor in modo snodabile, è necessario inclinarlo in avanti; in caso contrario, la piastra blocca la completa estensione.





Esiste una versione di Smallrig che consente il ribaltamento della sezione laterale della piastra, ma la trovo una soluzione un po' ostica e scomoda, specialmente quando si utilizza la macchina a mano libera. Se avete conoscenza di soluzioni migliori, vi prego di condividerle nei commenti.


Il punto forte della Sony A7RV è, senza dubbio, il suo autofocus straordinario, grazie alla tecnologia "Deep learning", per la sua capacità di riconoscere i soggetti, la rapidità di aggancio e il tracking. Va sottolineato che non sono un fotografo specializzato in fauna e uccelli, ma amo contestualizzare gli animali che incontro nei sentieri o durante le camminate in mezzo ai boschi e paesaggi; la A7RV è ideale per questo scopo, in quanto può riconoscere con grande precisione persone, animali, uccelli ed insetti, analizzando il soggetto attraverso l'IA. In questo modo, riesce a seguirlo anche se ci sono diversi ostacoli tra noi ed il soggetto. Naturalmente, per ottenere i migliori risultati, è necessario esplorare i menu e sperimentare con tutti i settaggi. Si tratta di un tracking che migliora drasticamente quanto visto su A7RIV (e che avevo sulla A6400).


A7RV - 100-400GM - AFC punto spot real tracking

In genere, la serie R di Sony è orientata verso una fotografia più ponderata, meno focalizzata sulla velocità. Tuttavia la reattività di questa A7RV è sorprendentemente eccezionale e nettamente superiore a tutte le precedenti serie R. Ho personalizzato ogni pulsante, assegnando al tasto "AEL" e sulla lente, funzioni "Programmate" di aggancio automatico del soggetto (in modalità espansa o real tracking), auto ISO e tempi di scatto brevi. Questa configurazione assicura una prontezza superiore nell'aggancio e nel tracking degli animali/uccelli/insetti (o esseri umani), indipendentemente dalle variabili dei parametri di scatto e dalle impostazioni del fuoco, sia automatico che manuale, che sono utilizzate. Così si evita di dover perdere tempo nell' impostare parametri di scatto davanti ad un incontro casuale con un animale. A differenza dei modelli precedenti, le funzioni programmate assegnate a determinati tasti (quanto scritto sopra), nella 7RV trovano una risposta straordinariamente immediata .


Sony A7RV - 100-400GM AFC punto espanso

Ho provato il focus bracketing, ed anche se intrigante, penso che il fatto di non poter salvare tutto in un singolo file RAW rappresenti una limitazione significativa. Dalle impostazioni è possibile determinare tutti i parametri necessari per creare un buon risultato: la larghezza di passo (da wide a 10) consente alla macchina di stabilire in maniera ottimale l'area di fuoco, il numero di scatti da effettiare (da 1 a 299), etc.

Considerando i 61 megapixel, la post produzione del focus bracketing di decine di scatti, richiede una potenza di calcolo non indifferente.

Piuttosto non capisco perché Sony continui a produrre corpi macchina privi di funzione blending raw, non comprendo perché non assecondi questa richiesta da parte di tutta la sua utenza legata al mondo del paesaggio e della natura.


Sony A7RV - 100-400GM Focus Stacking 20 immagini

Il sensore a 61 megapixel, il medesimo di Sony A7RIV con alcune modifiche per una migliore resa ad alti iso, esprime il massimo delle sue potenzialità nella fotografia di paesaggio e studio, offrendo una qualità cromatica con una gradazione dei toni incredibile. Il dettaglio è supelativo e la gamma dinamica è ai vertici della categoria, in linea generale c'è una differenza visibile tra il file della 7RIII ed il file della 7V, oltretutto quest'ultima migliora tantissimo il bilanciamento del bianco automatico, riproducendo realisticamente ciò che osserviamo in fase di scatto.


Sony A7RV - 24-105

Quando ho aperto per la prima volta i file RAW della RV su Capture One, ho avvertito una maggior enfasi del colore rispetto ai file di 7RIII e 7III, assolutamente non così "flat" come avevo avuto modo di leggere sui forum. Devo però dire che a questa nuova resa, totalmente differente dalla RIII (che è stato il mio punto di riferimento), facilita la post produzione e bastano pochi tocchi per avere un file "esplosivo", con una eccelsa ripoducibilità dei colori che diventa una vera goduria per gli occhi. Il Raw, che utilizzo Lossless con un risparmio notevole di spazio, è ricco di dettaglio e si ha la percezione di maneggiare file di un formato superiore al full frame.

Le mie ottiche di paesaggio principali (24-105G e 100-400GM) risultano abbastanza risolventi e per il mio scopo, che non è la ricerca estrema del dettaglio al 200%, trovo siano veramente eccellenti. Non mi aspettavo che il 24-105 risolvesse cosi bene sia gli angoli che i bordi; questo zoom ha una resa strabiliante con il 43mpx che viene confermata ulteriormente sul 61mpx.



Gli alti iso non mi sono sembrati assolutamente un problema, la qualità rimane molto alta ed il rumore abbastanza contenuto se confrontato con la risoluzione. Secondo me è impercettibile la differenza di rumore rispetto alla mia vecchia 7RIII e se a ciò uniamo la tecnologia raggiunta oramai dai software, bhe non abbiamo davvero nulla da temere.


Sony A7RV - 100-400GM

Concludendo, ritengo la Sony A7RV essere il corpo quasi perfetto per la fotografia di paesaggio e natura, arricchito da caratteristiche che facilitano sia in fase di scatto che di composizione. La robustezza eccezionale, il miglioramento complessivo rispetto alla A7RIII e RIV, il monitor ibrido, il mirino superbo, l'autofocus di prim'ordine, la reattività globale e la qualità dell'immagine straordinaria, posizionano questa V edizione della serie R di Sony come la regina della fotografia di paesaggio e oltre.

A parte i difetti elencati e la mancanza di un otturatore elettronico con tecnologia stacked, questa fotocamera si conferma come la perfetta incarnazione del progetto avviato oramai 10 anni fa, ovvero creare un'alternativa al medio formato con una qualità dell'immagine molto vicina, accompagnata da una vasta gamma di lenti a costi più accessibili.


Sony A7RV - 100-400GM

164 views0 comments

Comments


bottom of page