Recensione: Canon 6D

November 28, 2014

 

Dopo due anni dall'uscita e dal mio acquisto, vorrei scrivere una recensione sulla Canon EOS 6D, mettendo in risalto i pro e contro di questa magnifica macchina.

 

 

La fotocamera e' leggermente piu' piccola della 5D3, ma piu' leggera, ergonomicamente simile alla cugina Canon 70D.  I materiali sono buoni, ma con il passar del tempo, ho sentito la mancanza di una vera e propria tropicalizzazione. Sotto questo aspetto, penso sia più simile ad una 5DII che ad una 5DIII. Il monitor posteriore non è ben sigillato, ed in caso di situazioni di pioggia o di temperature molto basse, il rischio condensa è molto alto. E' sempre meglio utilizzare un Rainsleeve in condizioni estreme di utilizzo, con tutte le difficoltà che ne derivano.

La scocca superiore è in policarbonato, mentre il resto del corpo è in magnesio. La macchina si impugna molto bene mettendoci subito a proprio agio. Quasi tutti i pulsanti funzionali li troviamo sulla destra, permettendoci di scorrere le varie impostazioni utilizzando una sola mano e semplificando il lavoro. I menu' visibili nel display in alta risoluzione da 3" (Non piu' 4:3 ma 3:2, quindi le foto visualizzabili a tutto schermo) sono semplificati ed intuitivi. La personalizzazione dei comandi mi e' sembrata molto buona, ma non eccellente come sui corpi più professionali. E' presente un pulsante apposito per lo zoom delle foto. Per visualizzare l'ingrandimento di un dettaglio in  un nostro scatto, premeremo l'apposito tasto e girando la rotellina superiore, l'immagine si zoommerà verso il punto di messa a fuoco, permettendoci cosi' di visualizzare facilmente  la MAF. Sembra roba da poco, ma il risparmio di tempo è notevole. I comandi dello schermo Led superiore sono stati semplificati ed ora ogni tasto ha una sola funzione.

 

QI:

La qualita' immagine, che e' in grado di sfornare la 6D e' elevata. I file RAW sono lavorabilissimi, ed e' possibile un buon recupero delle ombre (2stop) senza incontrare il fastidioso rumore cromatico e banding che affligge le reflex Canon. Anche se ancora un po' lontani dall'elevata gamma dinamica (2 stop e mezzo in più fanno la differenza) e dalla pulizia delle ombre dei sensori Sony Exmoor, Canon ha fatto passi avanti rispetto al passato, recuperando il gap con il salire degl'iso, dove la 6D risulta sfornare file più puliti e con mezzo stop di gamma dinamica in più rispetto la diretta concorrente Nikon D610. Con questa macchina si hanno ottimi risultati fino a 6400, dopodichè la qualità andrà a degradare, anche se i file risulteranno utilizzabili, specialmente per un utilizzo web. Ho fatto stampe formato A4 a 12800 iso senza perdita eccessiva di qualità. La grana che regala questa macchina e'  molto piacevole, e non ci sono tracce di banding e di nient' altro.

 

 

Autofocus:

 

In paesaggistica utilizzo sempre la messa a fuoco manuale, ma ho avuto modo di testare l'autofocus in altri ambiti. Il punto centrale e' molto preciso e non fatica mai ad agganciare il soggetto, anche in condizioni di penombra. I punti laterali sono meno veloci e precisi. 

 

GPS-WIFI

 

Il GPS permette di geotaggare in automatico ogni scatto e posizione in modo molto preciso, ritrovando ogni informazione su software fotografici e sui vari portali (500px, Flickr ecc). Con il software proprietario di Canon, e' possibile addirittura tracciare il nostro percorso.

Il Wifi invece e' una vera chicca. E' possibile comandare la fotocamera in remoto dal nostro tablet/telefono, prendendo  pieno controllo dei diaframmi, iso, tempo ecc. E' possibile utilizzare il wifi in realtime con i dispositivi mobile o PC, osservando  le nostre immagini sul software EOS Remote. Consiglio però apparecchi appositi per questo tipo di utilizzo, che risultano più veloci e precisi.

 

Conclusioni:

 

Adoro questa Reflex. La reputo imbattibile qualità prezzo. 

La 6D e' rivolta ad un pubblico di fotoamatori e di professionisti. L'utilizzo della fotocamera e' molto semplice e la qualita' dei file e' sublime. 

Non e' una fotocamera per un utilizzo sportivo o avifaunistico, la 7D2 e la 5DIII darebbero risultati migliori, ma mi sento di consigliarla per utilizzo paesaggistico e reportagistico. Spero che in futuro Canon migliorerà la qualità dei propri sensori, specialmente a bassi iso, in modo da utilizzare il meno possibile filtri GND e la tecnica del manual blend, e che rafforzi la tropicalizzazione, che in questa macchina specialmente se messa alle strette, lascia un po a desiderare.

Please reload

Featured Posts

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Recent Posts

September 23, 2019

May 13, 2019

December 30, 2016

Please reload

Archive
Please reload

Search By Tags